Non essere cattivo (2015) di Claudio Caligari

Storia di un’amicizia maschile nella Ostia del 1995. Due “fratelli di strada”, “fratelli di vita”, vivono in simbiosi: condividono giornate, desideri, frustrazioni, pasticche e cocaina.  Cesare e Vittorio amici di borgata, da sempre, campano di furti e spaccio, esistenze consumate alla giornata tra l’attesa di qualcosa (passando da un bar all’altro), le bravate, le sniffate. A casa Cesare ha una madre precocemente invecchiata che accudisce una nipotina malata, la cui madre è morta di AIDS. Vittorio invece sembra non avere nessuno al mondo, e quando incontra Linda vede in lei una possibilità di costruire una vita normale. Trova lavoro e cerca di coinvolgere anche Cesare, che nel frattempo si è innamorato di Viviana, una disperata come lui ma piena di voglia di costruirsi un futuro. Riusciranno a diventare protagonisti della loro vita? 

Serie The Knick di Steven Soderbergh su Sky Atlantic HD (2014)

10 episodi ispirati a una storia vera di inizio novecento a New York. La serie televisiva gira intorno a John Tackery (Clive Owen), un geniale e ambizioso chirurgo americano che fa un uso problematico di cocaina e oppio - il cui personaggio è ispirato alla vera vita del celebre chirurgo americano William Halstead. Dopo che il primario dell’ospedale Knickerbocker si toglie la vita, il dottor Thackery ne prende la guida assieme al medico afroamericano Algernon Edwards (André Holland), che pur laureato ad Harvard deve vedersela col clima razzista dell'epoca. All'interno dell'Ospedale, frequentato prevalentemente da poveri e immigrati che diventano senza saperlo cavie degli esperimenti di Thackery, si agita intanto un ambiente oscuro e corrotto. (fonte: www.wikipedia.org)

The Wolf of Wall Street ( 2013) di Martin Scorsese

Jordan Belfort inizia la sua carriera come apprendista broker a Wall Street, sotto la guida dell'eccentrico Mark Hannah. È quest'ultimo che lo introduce a uno stile di vita esagerato basato sul sesso e sull'assunzione di cocaina e altre droghe di ogni tipo. Jordan impara anche a compiere azioni disoneste che gli consentono di guadagnare molti soldi, e ben presto ottiene la licenza di broker. Il giorno stesso della sua assunzione, però, si verifica il cosiddetto lunedì nero, e la borsa crolla, causando il suo immediato licenziamento. Ambizioso e famelico, risale la china e fonda la Stratton Oakmont, agenzia di brokeraggio che rapidamente gli assicura fortuna, denaro, donne, amici, nemici e (tanta) droga. Separato dalla prima moglie, Jordan corteggia e sposa in seconde nozze la bella Naomi, che non tarda a regalare due eredi al suo regno poggiato sull'estorsione criminale dell'alta finanza e la ricerca sfrenata del piacere. Ma ogni onda cavalcata ha il suo punto di rottura. Perduti moglie, amici e rotta di navigazione, Jordan si infrangerà contro se stesso, l'inchiesta dell'FBI e la dipendenza da una vita 'tagliata' con cocaina e morfina. (fonte: www.mymovies.it)

Flight (2012) di Robert Zemeckis

Il comandante di aerei di linea William "Whip" Whitaker si sveglia nella sua stanza d'albergo a Orlando insieme all'assistente di volo Katerina Márquez, dopo una notte di sesso, alcol e pochissimo sonno. Quella stessa mattina ha un aereo da pilotare, quindi, come è avvezzo a fare, usa della cocaina per smaltire velocemente la sbornia e si imbarca sul volo SouthJet 227 per Atlanta. Un improvviso cedimento della struttura impedisce all'aereo di volare e costringe Whitaker a una manovra di emergenza che prova a mantenere in quota l'aereo, rivoltandolo per rallentarlo, rimettendolo in posizione dritta e tentando un atterraggio il più lontano possibile da case e civili. L'operazione disperata riesce e Whitaker rovina a terra, salvando novantasei persone e perdendone sei. Eroe per la stampa e per l'opinione pubblica, l'intrepido pilota deve adesso vedersela con la NTSB (National Transportation Safety Board). Se da una parte le indagini rivelano la causa meccanica che ha provocato la tragedia, dall'altra tradiscono il segreto indicibile di Whip Whitaker: l'alcolismo. (fonte: www.mymovies.it)

 

Maradona (2008) di Emir Kusturica

Il film approfondisce la vita di Diego Armando Maradona, creando anche dei parallelismi con alcuni personaggi dei film di Emir Kusturica. Il film si sviluppa nei luoghi dove Diego Armando Maradona ha vissuto e vengono rivisitati dall'ex calciatore argentino insieme al regista in occasione del documentario: Buenos Aires, Napoli e Cuba, dalle umili origini nel ghetto della capitale argentina al suo esordio nell'Argentinos Juniors, i passi della carriera calcistica, i momenti alti (lo scudetto col Napoli, il Mondiale vinto con la Nazionale argentina) e quelli bassi (la positività ai Mondiali di calcio 1994 per efedrina), e ancora il declino inesorabile e la lenta risalita. La pellicola si sofferma inoltre sul pensiero del Maradona-uomo: la droga, la famiglia, il calcio di oggi e le idee politiche contro il sistema neo-liberista nordamericano. (fonte: www.wikipedia.org )

 

"Cocaina" (2007) film in presa diretta di Roberto Burchielli e Mauro Parissone

Il film si occupa dell’allarme sociale cocaina, della montagna di droga che invade ogni giorno il nostro paese; e lo fa scrivendo le storie al contrario, demolendo quindi i luoghi comuni che circondano – e funestano – sempre questo genere di argomenti. Il racconto parte dal nord, da Milano, si snoda nelle vie e nelle piazze del capoluogo lombardo per arrivare a Brescia. Terminando la corsa nei paesini del bresciano, i paesini dei lavoratori cottimisti, ossia Chiari, Castelcovati, Castrezzato. Seguendo la lunga e sottile linea di cocaina che collega chi sniffa per noia in città e chi per lavorare di più in provincia. Tutti, nessuno escluso, la usano.  (fonte: www.katerpillar.it)

 

Polvere (2006) di  Massimiliano D'Epiro e Danilo Proietti

Domini e Giona sono grandi amici. Uno profondamente diverso dall'altro. Domini sogna di fare il regista. E' un ragazzo introverso con una personalità complicata. Un vero individualista, alla costante ricerca di emozioni forti attraverso l'occhio della sua videocamera digitale che porta 24 ore su 24 con sé, per non farsi sfuggire nulla: risse, scene di droga, sesso, situazioni improbabili, pericolose, al limite della legalità. Giona ha 25 anni. E' un esaltato, vive la sua vita al massimo. Molti vizi, frequentazioni losche, amicizie ambigue e tanti segreti, il primo dei quali è una storia clandestina con Giulia, sorella minore di Domini. In comune hanno un progetto ambizioso, innovativo e azzardato che li metterà nei guai. Realizzare un film documentario girato interamente con telecamere nascoste. Il soggetto sarà la cocaina e il mondo che le gira intorno. Spacciatori, consumatori, attrici, attori, modelle e personaggi della vita notturna verranno ripresi a loro insaputa e diventeranno i protagonisti inconsapevoli di un "cult" movie. (fonte: www.cinemaitaliano.info )

 

Maradona - La mano de dios (2006) di Marco Risi

La vita di Diego Armando Maradona viene ripercorsa nei suoi momenti salienti. Dal recente presente si passa, con rapidi flashback, alle prime gesta del piccolo campione argentino. Il successo arriva, ma con lui anche la cocaina, mettendo in luce il genio e la sregolatezza del più grande giocatore che il calcio abbia avuto..... (fonte: www.katerpillar.it ) 

 

El Rey - Negli anni '70 la cocaina aveva un solo re (2004)  di José Antonio Dorado

Pedro Rey è un uomo con grandi aspirazioni e un piccolo bar che gestisce nonostante le difficoltà economiche mentre difende il suo quartiere dalla malavita, pur facendone parte. Grazie a uno spiccato talento imprenditoriale e ad alcune importanti conoscenze riesce a mettere in piedi un traffico internazionale di cocaina. Ma lungo la scalata verso il successo perde il controllo e se stesso. Nella lotta al potere El Rey s'innamora, si sposa, crea alleanze con i gringos, si infatua di una donna votata alla politica, diviene sempre più dipendente dalle droghe e infine viene ferito in un attentato, dimenticando le tre regole che un padrino di successo dovrebbe sempre rispettare. (fonte: www.mymovies.it)

 

Amnesia (2002) di Gabriele Salvatores

Sandro è un regista di film porno a cui piomba tra capo e collo la figlia diciassettenne Luce. Lui se ne è sempre occupato poco ma, soprattutto, lei non sa qual è il lavoro paterno. Angelino gestisce un piccolo bar sulla spiaggia, smercia un po' d'erba e sogna una casa e un figlio. Quando si trova tra le mani una valigetta con quattro chili di cocaina crede di poter cambiare vita. Il commissario dell'isola ha invece un figlio in costante rotta di collisione con lui dopo la morte della madre. Le vicende dei tre uomini si intrecciano. ( Fonte: www.mymovies.it)

 

Blow  (2001) di Ted Demme

Cresciuto in una famiglia in cui il lavoro del padre non riusciva a garantire lo stile di vita desiderato dalla madre, George Jung si trasferisce dal Massachusetts in California, dove inizia a spacciare marijuana in una spiaggia insieme all'amico Tonno e al fornitore Derek . Diventa latitante finché viene rinchiuso in prigione per alcuni anni, a seguito della delazione della madre Ermine Jung . Nel frattempo, la fidanzata Barbara muore di cancro. Una volta uscito di prigione, grazie al suo compagno di cella Diego, allarga il proprio traffico alla cocaina, collaborando con produttori colombiani, tra cui "el magico" Pablo Escobar. In questo periodo gestisce un traffico di cocaina che abbraccia tutti gli Stati Uniti, da Hollywood alla East Coast; incontra Mirtha che sposa e dalla quale avrà una figlia, Kristina. In questo periodo accumula ingenti risorse economiche, che deposita in una banca panamense. A questo punto arriva la caduta: Diego lo tradisce, tagliandolo fuori dal giro, avvenimento per cui George resta senza soldi, anche a seguito dall'espropriazione dei suoi risparmi da parte del governo. Per questi motivi la moglie, in una litigata furibonda, lo fa arrestare e in seguito divorzia. George, una volta uscito di prigione, cerca di rimettersi in sesto e soprattutto di ritrovare l'affetto della figlia, cosa che gli riesce solo parzialmente. Tenta un'ultima spedizione di cocaina, ma i suoi vecchi e nuovi compagni lo fanno arrestare per salvarsi dall'FBI. A questo punto arriva una condanna a 60 anni di reclusione. (fonte: www.wikipedia.org )

 

Traffic (2000) di Steven Soderbergh

Il film alterna la scena fra gli Stati Uniti e il Messico, che negli ultimi anni comincia a rivaleggiare con la Colombia per il volume dei suoi traffici. L'idea di base è semplice ma molto efficace: ripercorrere l'itinerario di un carico dal produttore al consumatore, seguendo una partita di cocaina attraverso la frontiera. Questo carico coinvolge dei personaggi impegnati nella lotta al traffico, nel consumo o nello spaccio. Fronti diversi, frontiere diverse e classi sociali completamente diverse: una scelta che consente di offrire un quadro del problema emblematico e a tutto tondo, senza prediche e senza sconti. (fonte: www.clarence.com)

 

Niente per bocca  (1997)  di Gary Oldman

In un quartiere povero nei sobborghi a sud di Londra vive una famiglia di modestissima estrazione. Janet, cinquant’anni, fa l’operaia ed è l’unica a portare a casa dei soldi. Con lei vive l’anziana madre Kath. Ci sono poi i figli di Janet, Billy e Valerie, di venti e trenta anni. Valerie è sposata con Ray, uomo violento e nervoso che passa il tempo a riempirsi di cocaina e a picchiare la moglie; Billy è in preda all’eroina e si lascia andare a piccoli furti. Valerie ha una bambina, Michelle, ed è in attesa di un altro figlio. Un giorno Ray accusa Billy di avergli rubato bustine di coca e lo caccia di casa. Imbottito di alcool, Ray rinfaccia alla moglie di averlo tradito con un conoscente e la riempie di calci e pugni, causando la perdita del bambino........ (fonte: www.2pisteperlacoca.it)

 

Lo spacciatore (1992) di Paul Schrader

John LeTour si guadagna da vivere facendo le consegne di droga a Manhattan in un giro di clienti di lusso. Il suo capo è  Ann, cinica trafficante che afferma di voler chiudere con il lavoro sporco e sogna di dedicarsi al commercio dei cosmetici. Con lei collabora il fidato Robert, che prepara il materiale e le dosi. Nel corso delle sue notti insonni, John scrive un diario attraverso cui apprendiamo che, nonostante i guadagni, cerca una via d'uscita da una vita di cui non è soddisfatto e consulta spesso una veggente per scoprire quale sarà il suo destino. Per una coincidenza, Johnny reincontra una ragazza con cui aveva avuto una relazione anni prima ma che era uscita dal giro. Marianne, questo il suo nome, viene trovata morta e sembra sia coinvolto un cliente importante di Ann. Johnny decide allora che è giunto il momento di farsi giustizia e di trovare una via "di redenzione" a suo modo. (fonte: www.wikipedia.org )

 

Quei bravi ragazzi (1990) di Martin Scorsese

Henry Hill è un adolescente italo-irlandese, cresciuto nei quartieri malfamati di New York. Protetto fin da piccolo, grazie alle sue origini e ai suoi servigi, dal potente capo della famiglia mafiosa locale Paul Cicero, Henry entra a far parte della sua banda, specializzata in furti e contrabbando, la banda cosiddetta dei "bravi ragazzi". Affiancato poi a Jimmy Conway e Tommy DeVito, Henry intraprende la carriera criminale, accorgendosi col passare del tempo che gli amici a cui si è legato sono estremamente violenti, e spesso arrivano all'assassinio per sbrigare i loro traffici o per tenersi il bottino. Nel frattempo Henry si innamora di una ragazza ebrea, Karen, e dopo poco tempo la sposa. Intanto il giovane instaura una relazione anche con Janice Rossi. Le comprerà perfino una casa, fatto che porterà lui e Karen sull'orlo del divorzio. Un'amica di Janice, Rosie, diventerà pure amante di Henry e lo aiuterà a preparare i pacchi di cocaina da vendere. Con il volgere degli anni, la banda dei bravi ragazzi entra nel mondo del traffico di droga, facendo compiere un salto di violenza all'intero gruppo. Henry viene così arrestato ed imprigionato. La banda viene stravolta nel suo assetto quando Tommy viene assassinato dalla mafia. Henry, scarcerato e senza più un soldo, capisce di non avere più via di scampo e, braccato dall'FBI, viene incastrato e depone in un processo contro i suoi vecchi amici. Concluso il processo e condannati i componenti della banda, Henry deve cambiare città e vita, protetto dall'FBI, poiché è minacciato dalla vendetta dai suoi ex compagni rimasti in libertà. (fonte: www.wikipedia.org )

 

Cocaina (1989) di  Harold Becker

Lenny è un giovane e dinamico uomo d'affari statunitense in rapida ascesa. Assunto da una società immobiliare, si ritrova in poco tempo catapultato nella società "bene", può permettersi una casa con piscina e una vita agiata. Alle prime difficoltà professionali e familiari, si lascia convincere da un amico e comincia a fare uso di cocaina. Dopo l'apparente euforia iniziale, lo stress e le tensioni tornano costringendo l'uomo a un uso sempre più frequente. (fonte: www.deastore.com)

 

Fuori dal tunnel (1988) di Glenn Gordon Caron

Daryl Poynter è un venditore immobiliare di Filadelfia pieno di successo, arrogante e autodistruttivo che fa abuso di cocaina. Svegliandosi una mattina accanto ad una ragazza morta di infarto a causa della cocaina, comincia a capire che la sua vita è fuori controllo. In un tentativo di evadere la polizia e i suoi debiti, entra in un programma di riabilitazione per tossicodipendenti. Lì incontra Craig, un consigliere per la riabilitazione burbero ma efficace. Con grandi difficoltà, Craig aiuta Daryl a capire di essere un drogato e che la sua vita è un completo caos. Gli dice: "Il modo migliore per rompere le vecchie abitudini è di farne delle nuove". Daryl è messo in coppia con Richard Dirks, un ex bevitore più grande, che gli fa da guida nella riabilitazione. Richard poi incoraggia Daryl a confessare  al lavoro cosa ha fatto con i soldi della compagnia. Viene immediatamente licenziato. Daryl viene attratto da un'altra paziente in riabilitazione, una donna di nome Charlie Standers. Lei lavora in una fonderia per l'acciaio fa abuso di alcool e cocaina e subisce violenze dal fidanzato Lenny, drogato e disoccupato, che la picchia regolarmente e poi la implora di perdonarlo. Daryl si innamora di Charlie e le chiede insistentemente di lasciare Lenny. Infine ci riesce, solo per assistere alle manipolazioni di Lenny per riavere Charlie. Daryl cerca di rimanere nella vita della donna per aiutarla a stare senza droghe. Dopo un'altra lotta con Lenny, lei lascia la casa, cerca di drogarsi e rimane uccisa in un incidente stradale. Disperato, Daryl sente anche una gran voglia di drogarsi di nuovo. Fa visita a Richard, che lo convince a non ritornare alla droga. La storia ha un finale amaro e dolce allo stesso tempo, con Daryl, confuso e depresso, che accetta il suo gettone per essere stato 30 giorni sobrio. Più solo che mai, sembra avere accettato la strada che lo porta ad essere "pulito e sobrio"  . (fonte: www.wikipedia.org )

 

Le mille luci di New York (1988) di James Bridges

Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Jay McInerney. Un giovane infelice, abbandonato dalla moglie e deluso dalla vita, Jamie Conway, si rifugia nella cocaina e in un giro di amicizie sbagliate. Rendendo sempre di meno sul lavoro come correttore di bozze in un giornale, Jamie viene licenziato. Il giovane trova allora conforto in Vicky, una ragazza diversa da quelle frequentate negli ultimi tempi. (fonte: www.comingsoon.it)

 

Al di là di tutti i limiti (1987) di Marek Kanievska                                   

Il film, tratto da Meno di zero, primo romanzo di Bret Easton Ellis, è ambientato negli anni ottanta a Los Angeles. Amici da una vita, Julian, Clay e Blair finiscono insieme il liceo e, promettendo di rimanere comunque in contatto pur prendendo strade diverse, si perdono di vista per 6 mesi, per poi ritrovarsi durante le vacanze di Natale. Sei mesi sono pochi e nulla sembra cambiato, fra le feste e le luci colorate di Los Angeles. Blair è diventata una modella come aveva annunciato a Clay; Julian invece ha fallito nelle sue aspettative ed è caduto vittima della cocaina senza nemmeno accorgersene. Si trova in un mondo orribile e privo di speranza, fatto di debiti, di prostituzione e di solitudine e abbandono. Clay e Blair tenteranno in tutti i modi di aiutarlo ma ormai Julian è al punto di non ritorno e nell’alba di un nuovo giorno verso la libertà perde la vita seduto accanto ai suoi due migliori amici, gli unici che gli erano rimasti vicini nonostante tutto. (fonte: www.wikipedia.org e www.film.tv.it )

 

Scarface (1983) di Brian De Palma

L'intreccio si dipana tra il mondo degli immigrati cubani e quello dei signori della droga della East Coast. Tony Montana, lo “sfregiato”, è uno tra i tanti "rifugiati politici" in territorio statunitense, sbarcati da Cuba sulle coste della Florida. Per i profughi la via più veloce è darsi al crimine, e Tony, non certo uno stinco di santo, non ci penserà due volte. Comincerà così per il gangster una rapida ascesa, che arriverà a vertiginose quanto pericolose altezze. Oliver Stone stende una sceneggiatura cruda, ritratto di un mondo fatto di polvere bianca e potere, pupe da sballo e disco-music elettronica: il mondo dei gangster anni '80, insomma. Grazie all'elegante mano di De Palma, l'opera danza sul ribaltamento del punto di vista: ci si scoprirà a simpatizzare per la mina vagante Tony, selfmade-boss scaltro e ligio al proprio, seppur deviato, codice d'onore. Montana, rozzo cubano di umili origini, incarna gli ideali del ghetto portandoli all'estremo, costruendo dal nulla un impero economico basato sull'illegalità. Un titanismo incurante di qualsiasi limite umano plasma la sfolgorante parabola del protagonista, vittima della propria fremente volontà di potenza. (fonte: www.mymovies.it)

 

Sherlock Holmes: soluzione sette per cento (1976) di Herbert Ross

Per guarire Holmes, cocainomane incallito e affetto da complesso di persecuzione, Watson lo porta a Vienna, affidandolo alle cure di un giovane collega, il dottor Sigmund Freud. Qui sono coinvolti nel sequestro di Lola, una tossicomane. Tratto da un ingegnoso romanzo (1973) di Nicholas Meyer, autore anche dell'adattamento, che mescola il metodo deduttivo di Arthur Conan Doyle con l'analisi di Freud. ( Fonte: www.mymovies.it)

 

Episodio "Cocaina di domenica" del film CONTROSESSO (1964) di Franco Rossi

 Nino Manfredi e Anna Maria Ferrero sono una giovane coppia di sposi che, per vincere la noia domenicale, prova per gioco gli effetti di un pizzico di cocaina, di cui casualmente è entrata in possesso. La sostanza eccita nei due l’erotismo. La donna ha però “sniffato” prima del marito, così che nell’amplesso si trova sfasata rispetto a lui e approfitta dell’euforia dell’uomo per fargli sbrigare le faccende di casa. (Fonte: Libro “Nino Manfredi” di A. Bernardini, Ed. Gremese)

Share